Usufruisci del Decreto Rilancio per progettare il tuo nuovo sistema energetico a costo zero

L’Ecobonus 110%, parte del Decreto Rilancio (D.L. 34/2020), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19.05.2020 e confermato con la L. 77/2020 del 17.07.2020, prevede una serie di agevolazioni per interventi di riqualificazione mirati ad aumentare l’efficienza energetica e ottimizzare l’isolamento termico. Per poter usufruire delle agevolazioni, è richiesto che gli interventi comportino un miglioramento di almeno due classi della prestazione energetica dell’edificio o, in alternativa, il raggiungimento della classe energetica più alta possibile (da attestare tramite l’Attestato di Prestazione Energetica o APE.

Per quali interventi posso usufruire delle agevolazioni?

Le agevolazioni riguardano i seguenti ambiti descritti nel Decreto: 

  • L’installazione del cappotto termico: interventi di isolamento termico sulle superfici opache verticali (pareti isolanti o cappotti), orizzontali (pavimenti e coperture) e inclinate (falde di copertura del sottotetto) dell’edificio pari almeno al 25% della superficie disperdente, con una spesa massima di 40.000 euro per ogni abitazione in edifici composti da 2 a 8 unità immobiliari, 30.000 euro/abitazione per edifici da più di 8 unità e di 50.000 euro in caso ed edifici unifamiliari. 
  • La sostituzione, fino a 30.000 euro, di impianti di climatizzazione invernale in edifici unifamiliari con impianti a condensazione con classe di efficienza minima A, a pompa di calore, di microgenerazione o geotermici negli edifici unifamiliari (anche con caldaie a biomassa con prestazioni emissive almeno di classe 5 stelle solo per aree non metanizzate).
  • La sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti centralizzati a pompa di calore, di microgenerazione, geotermici o a condensazione con classe minima A nelle parti comuni degli edifici, con una spesa massima di 20.000 euro per ogni unità abitativa in edifici fino a 8 unità abitative e 15.000 euro per unità abitativa per edifici con più di 8 unità.
  • Misure antisismiche “speciali” previste dall’art. 16 comma 1-septies del D.L. 4 giugno 2013 n.63, senza dover effettuare almeno uno dei 3 interventi trainanti. 
  • Interventi di “demolizione e ricostruzione” con modifica della sagoma dell’edificio e senza aumento di volumetria, senza dover effettuare almeno uno dei 3 interventi trainanti. 

Il decreto introduce nuovamente la possibilità di richiedere lo sconto in fattura e la cessione del credito anche per le spese relative agli interventi agevolati dai precedenti Ecobonus, Sismabonus e Bonus ristrutturazioni se effettuati come singoli interventi.

DOMANDE? VISITA LA PAGINA DELLE DOMANDE FREQUENTI OPPURE SCRIVICI PER UNA CONSULENZA GRATUITA E SENZA IMPEGNO

Puoi trovare maggiori informazioni sul trattamento dei tuoi dati all'interno della nostra Privacy Policy.